Grammatiche
COSTUME E SOCIETA'
CULTURA
ESTERI
MUSICA, CINEMA E SPETTACOLO
POLITICA
PUBBLICITA'
RUBRICHE
SPORT
TECNOLOGIE
DEDICATE A...
LO STAFF CONSIGLIA...
LO STAFF SCONSIGLIA VIVAMENTE...
ULTIMI ARRIVI
Recensioni Indie
A Iraqi Enemy Beyond The City of Kabul - Deep Fufis At A Motion In The Eye (EP, Whitedisc Records, 2005)

Yes wave. Dark wave.
Michael Stipe ci sorprende sempre. Non questa volta. I A Iraqi Enemy Beyond The City of Kabul sono infatti un trio formato da Michael Stipe (fortepiano), Jack Rose (violino) e Mauro Repetto (grammofono).
Deep Fufis At A Motion In The Eye e' una tinta nerd che dipana colori anni 90 e tonicamente immaginifici, ideale per percorsi attraverso lande desolate.
Il gruppo si presenta quindi come un incrocio tra Shaggs e Lou Reed.
La si voglia definire slowcore o progressive-slowcore, la musica proposta aggiunge ogni possibile pathos rivelandosi nella forma di una suadente liberta'.
Miglior album del 2005.

(8)
GRAMMAR INFO
titleRecensioni Indiesnob
authorgigiriva <derivaandrea@hotmail.com>
languageitalian
statusululato
topicmusica
audienceitaliane, cinesi, Otomo Nekohide e chiunque possa definirsi kinky-dada-sci-indie-mainstream
disclaimun mondo senza parentesi sarebbe un mondo zingaro
created01/10/2005
sourceita/recensioniindie.grm
embed (beta)