Grammatiche
COSTUME E SOCIETA'
CULTURA
ESTERI
MUSICA, CINEMA E SPETTACOLO
POLITICA
PUBBLICITA'
RUBRICHE
SPORT
TECNOLOGIE
DEDICATE A...
LO STAFF CONSIGLIA...
LO STAFF SCONSIGLIA VIVAMENTE...
ULTIMI ARRIVI
Recensioni Indie
16 City - Egg In The Arab/Pretty Biafra Through The New In The Tiny (CD, Self, 2005)

No. Spirale. Bristol nel proprio salotto.
Taku Sugimoto, considerato dal sottsocritto l'erede di Alice Coltrane, ci riprova con i 16 City, gruppo nato da un'idea di Deathprod e che vanta nomi quali Christian Fennesz, Simon Nabatov, Ikue Mori.
Egg In The Arab/Pretty Biafra Through The New In The Tiny e' in grado di mettere d'accordo i fan delle Bangles piu' genuine e dei Velvet Underground piu' platesi, perfetto per sogni attraverso lande desolate.
I Velvet Underground dell'era digitale.
New wave-blues, dunque. New wave-slow-core, tensione melancolica ma pigramente farsesca, per un disco che inserisce una no wave filiforme e nevrotica in un mondo prettamente new wave-new wave.
Sottovalutato.

(10)
GRAMMAR INFO
titleRecensioni Indiesnob
authorgigiriva <derivaandrea@hotmail.com>
languageitalian
statusattuale
topicmusica
audienceaustraliane, veneti, Aki Zingokuma, lettori di Blow Up (e delle sue imitazioni) e chiunque possa definirsi pop
disclaimun mondo senza parentesi sarebbe un mondo lesbo-casual
created01/10/2005
sourceita/recensioniindie.grm
embed (beta)