Grammatiche
COSTUME E SOCIETA'
CULTURA
ESTERI
MUSICA, CINEMA E SPETTACOLO
POLITICA
PUBBLICITA'
RUBRICHE
SPORT
TECNOLOGIE
DEDICATE A...
LO STAFF CONSIGLIA...
LO STAFF SCONSIGLIA VIVAMENTE...
ULTIMI ARRIVI
Recensioni Indie
Naked Enemy Of State - Eye (mini-CD, World Circuit, 2004)

Luoghi rarefatti. Now wave. Detroit.
Ci riprova ancora il solito progetto di Otomo Yoshihide (vibrafono) e Matt Elliott (sitar).
Eclettico fino alla nausea, Eye confonde manieristicamente vibrafoni ludici, percussioni underground, new wave, nu wave, fiati intimistici, post wave, sao wave-(no) wave, grass-roots, e contrabbassi ottusi, adatto a cerimonie nella periferia di Canterbury.
Il riferimento immediato e' una via di mezzo tra David Bowie e Frank Zappa.
Suoni di matrice sao wave-pop popolare, tocco alieno e burrascosamente vellutato, per un disco che inserisce una no wave zingara e melancolica in una situazione esclusivamente no wave.

(8/9) per la musica, (4) per il prezzo.
GRAMMAR INFO
titleRecensioni Indiesnob
authorgigiriva <derivaandrea@hotmail.com>
languageitalian
statusghiandolare
topicmusica
audiencesudamericani, magiare, Nobukazu Zingo e chiunque possa definirsi world-dada-deep-deepy-pop
disclaimun mondo senza parentesi sarebbe un mondo tonicamente magnifico
created01/10/2005
sourceita/recensioniindie.grm
embed (beta)