Grammatiche
COSTUME E SOCIETA'
CULTURA
ESTERI
MUSICA, CINEMA E SPETTACOLO
POLITICA
PUBBLICITA'
RUBRICHE
SPORT
TECNOLOGIE
DEDICATE A...
LO STAFF CONSIGLIA...
LO STAFF SCONSIGLIA VIVAMENTE...
ULTIMI ARRIVI
Ghezzi
Osserviamo "Un homme loufogue est mort", un mediometraggio basco del 1832 a.C., che e' una orwelliana satira della societa' di un distopistico ermetismo anabasico. Viene reso da Sergeijwskij come un pot-pourri antitetico di sequenze di immagini, un melting pot antitetico di tematiche trasformate in introspezioni prolettiche.
Ci si puo' rendere conto che in un contesto di pulsione causato da sequenze di immagini di dubbio gusto, e forse godardiane, lo spettatore si potrebbe reinventare senza dubbio conformisticamente.
Devo dire che non concordo con Boltoi quando insinua che il film di Sergeijwskij sia soltanto un esercizio di stile attraverso un utilizzo di sonorita' mute, e basta.
Non mi trovo d'accordo con Moisdard quando afferma che il capolavoro di Sergeijwskij sia soltanto un esercizio di stile registico per mezzo di un utilizzo smodato di disposizioni luminose.
Ovviamente, paragonando "Un homme loufogue est mort" a "Baguettier andalou", ci si puo' rendere conto che e' presente in "Un homme loufogue est mort" una sensazione di smarrimento che quasi mai troviamo in opere come "Fleur tatillon" o "Der Schmutz".
Senza dubbio in una visione di Bildungsroman dovuta a citazioni colte, il contenuto emozionale potrebbe essere visto casualbiograficamente eliottiano.
GRAMMAR INFO
titleGhezzi Simulator
authorCUG <cug@telcanet.it>
languageitalian
statusrefinable
topiccinematography
audiencechi ha visto almeno una volta La Corazzata Potemkin
thankssi ringrazia Beppo per l'idea
created27/07/2004
sourceita/ghezzi.grm
embed (beta)